Il PICCOLO PRESEPE

 

COME PROGETTARE UNA CASA .....

 

 

Una scena del presepe deve essere "studiata a tavolino" partendo dalle dimensioni del progetto che si intende realizzare... cioè bisogna "scegliere" la grandezza dei personaggi e di conseguenza tutto il resto, tenendo presente il luogo dove esso avrà la sua collocazione;  tutti gli elementi che lo comporranno dovranno essere "in scala" ed in questo può venire utile una tabella per rispettare le proporzioni.

Una volta scelta la "dimensione" si passa alla progettazione vera e propria studiando come deve essere composta la casa e la si disegna su un foglio quadrettato

(attenzione alla dimensione del quadratino.... meglio se è di 5mm... aiuta molto nel progetto).

clicca

 

Una volta fatto il disegno, si passa "al taglio" della casa

Materiali consigliati:

un cartoncino (quello della scatola che contiene i fogli di carta per le fotocopie va benissimo) con al centro un ondulato "sottile e stretto".... si rivela più resistente al termine della lavorazione.

 .... si ottiene questo risultato

 

A questo punto si completa il progetto con tutte le "appendici" che si ritengono più opportune per conferire al soggetto una particolare conformazione. Per le "appendici" usate il sughero tagliato a scaglie delle dimensioni che ritenete opportune.

Dopodichè incollate il tutto su un supporto rigido ... il compensato va benissimo in quanto non si deforma facilmente.

 

Per strutture e case di maggiori dimensioni, si può entrare maggiormente nei dettagli e consiglio di utilizzare il sughero a tavolette che si può "scavare" per creare "mattoni", "cornicioni", ecc.

 

Ora bisogna preparare il tetto....

 

Costruzione delle tegole:

  • fare una sfoglia sottilissima di DAS

  • tagliare le tegole della dimensione che necessita....magari aiutandosi con uno "stampino" che si avrà cura di creare...

  • curvarle, adagiando ogni tegolina su una cannuccia di Coca Cola o un piccolo bastoncino tondo

  • una volta ben asciutte, dipingerle con diverse "sfumature" di colore per conferire un effetto di "vecchio e consumato"

  • quindi, incollarle su un supporto rigido (compensato o cartoncino rigido) una sopra l'altra.... (meglio se non proprio "precise") per dare una resa di "vissuto".

 

 

Una volta completato il progetto si passa alla "stabilizzazione" della struttura gessando il tutto.

Consiglio di utilizzare il gesso alabastrino che risulta più stabile e compatto del gesso scagliola (costa qualche centesimo in più, ma ne vale la pena)

Preparazione: Riempite a metà un piccolo recipiente con del gesso (quanto basta) e, versando lentamente, aggiungete dell'acqua fino ad ottenere una "pastella" che deve risultare "cremosa". Ricoprite il tutto con il composto ottenuto, lasciando asciugare almeno per 24 ore (meglio 48 ore)

 

Una volta asciutto il gesso, si può passare alle rifiniture colorando come meglio si desidera la casa.

Si possono usare le tinte che si preferisce e  utilizzare il tipo di colore che si desidera:

molti consigliano i colori acrilici, io preferisco le tempere.

 

Finitura: consiglio vivamente, al termine della pittura, di fissare tutto con una vernicetta (ce ne sono diversi tipi, e marche per tutti i gusti) che protegge i colori nel tempo e solidifica la struttura della casa.